Sono più di 16mila le  opportunità di impiego offerte dalle agenzie per il lavoro relative  alle attività per il periodo natalizio. Accanto ai settori tipicamente interessati da un picco di assunzioni legato alle festività quali la  grande distribuzione, il turismo, la moda e il lusso, si registra una  rapida crescita della domanda di specialisti legati all'intelligenza  artificiale e al trattamento dei dati, molto difficili da reperire sul mercato. È quanto emerge da una rilevazione di Assolavoro,  l'Associazione nazionale delle agenzie per il lavoro.       

Nella Gdo, in particolare, si registra un boom di ricerche per  inventaristi, scaffalisti, magazzinieri e addetti al packaging, oltre  a banconisti esperti e operatori cassa. Dalle hostess ai sales  assistant, anche il settore moda e lusso offre numerose opportunità,  in particolare per chi conosce le lingue straniere, principalmente  inglese, russo e cinese e abbia buone capacità relazionali. Grazie  alle vacanze invernali, è boom anche per le professioni legate al  turismo: molto richiesti animatori, addetti alberghieri e personale di terra e di volo per le compagnie aeree.        

E, se Natale fa rima con tavola imbandita e pranzi e cene con amici e  parenti, ecco aumentare le richieste per una figura molto di moda  sulle colline di Hollywood ma sempre più apprezzata anche in Italia:  lo chef a domicilio che, dalla spesa alle pentole, dal menu alle  pulizie, offre un servizio personalizzato e completo.

- Anche per Natale si registra una crescita  della domanda di figure professionali nuove, collegate al mondo  digitale, all'intelligenza artificiale. Si distinguono, in  particolare, le figure legate al cosiddetto machine learning, quella  branca dell'intelligenza artificiale a cavallo tra statistica e  informatica che si concentra sullo sviluppo di algoritmi che possono  'imparare' o adattarsi ai dati e fare previsioni. Altra figura in  rapida ascesa è il data scientist, un 'mago' dei Big Data capace di  analizzare e interpretare l'ingente mole di dati memorizzati dai  dispositivi digitali per trarne un vantaggio strategico e competitivo  per le aziende.      

  Si tratta di figure talmente nuove che per definirle non esiste ancora una terminologia univoca. In comune hanno la multidisciplinarietà:  matematica, statistica, informatica ma anche una certa propensione  alla comunicazione utile a trasmettere gli esiti della propria  riflessione sui dati raccolti e analizzati sono le competenze  necessarie per svolgerle. In rapida crescita anche le richieste per il Big Data developer, una sorta di architetto dei dati capace di creare  strutture di sistemi in grado di raccoglierli efficacemente. Per  svolgere questa professione, è necessaria una significativa conoscenza di programmi e linguaggi specifici quali, ad esempio, Hadoop, Java, e  Apache Kafka.       

La panoramica sulle professioni digitali include anche il game  designer, ovvero l'autore di giochi digitali che non è solo, come  molti credono, chi inventa il gioco, ma un professionista che si  occupa di definirne regole e struttura, di cui elabora le dinamiche e  le modalità di svolgimento. Creatività, padronanza delle regole dei  giochi tradizionali e dei videogames e solide conoscenze di  informatica e di grafica sono le qualità di questo profilo che  dall'estero si sta affermando anche in Italia.  

Non mancano, tuttavia, opportunità anche per  giovani alle prime esperienze. I contratti di somministrazione  stipulati con una agenzia per il lavoro - ricorda Assolavoro -  prevedono per legge stessi diritti, stesse tutele e stessa  retribuzione di coloro che sono occupati alle dirette dipendenze  dell'azienda presso cui si svolge l'attività. I contratti collegati al periodo natalizio hanno una durata solitamente compresa entro i tre  mesi, ma rappresentano l'occasione per fare le prime esperienze o per  migliorare la propria condizione di lavoro, oltre che per avviare  percorsi verso la stabilizzazione. Solitamente si richiede  disponibilità a lavorare su turni e nei giorni festivi, flessibilità  negli orari, buona conoscenza di almeno una lingua straniera.       

Le occasioni legate specificamente al periodo natalizio rappresentano  naturalmente solo una quota parte delle opportunità di lavoro tramite  agenzie per il lavoro. Le persone che, nel corso del 2017, hanno avuto accesso attraverso le agenzie per il lavoro ad almeno un contratto di  lavoro dipendente, con la retribuzione prevista dal contratto  nazionale e tutte le tutele garantite dalla legge, risultano 702mila.  Almeno un lavoratore in somministrazione su tre, dopo aver lavorato  con le agenzie per il lavoro, accede a una occupazione stabile.       

Per candidarsi basta consultare i siti delle principali agenzie (su  www.assolavoro.eu, nello spazio 'Agenzie associate', è presente  l'elenco linkato ai siti) oppure rivolgersi a una delle 2.500 filiali  presenti su tutto il territorio nazionale.