Napoli, 9 lug. (Labitalia) - 'Eccellenze Campane', il polo enogastronomico fondato e presieduto da Paolo Scudieri, è al fianco dell’Università degli studi di Napoli 'Federico II', in veste di partner unico privato, nell’attivazione del primo Corso di laurea triennale in Scienze gastronomiche mediterranee. L’Università 'Federico II', il più grande Ateneo del Meridione con circa 90.000 studenti e 2.500 docenti incardinati in 26 Dipartimenti, arricchirà, infatti, ulteriormente la sua offerta formativa includendo il nuovo Corso a partire dall’anno accademico 2018-2019 (avvio dei corsi settembre 2018). La presentazione ufficiale si è tenuta questa mattina, presso il Dipartimento di Agraria, situato nella storica Reggia Borbonica di Portici, e ha visto la partecipazione di autorità politiche, chef e imprenditori, accademici esperti di storia e cultura del cibo e di giornalisti di settore.

 ''Cosa c'è di più utile e formativo - commenta Paolo  Scudieri, presidente di 'Eccellenze Campane' - di un'esperienza sul  campo per i futuri operatori del comparto food&beverage? Questa è la  domanda che ci siamo posti e che ci ha convinto a supportare  l'Università 'Federico II' nell'avvio del primo Corso di laurea in  Scienze gastronomiche mediterranee. Il nostro contributo vuole essere  concreto perché riteniamo che dietro ogni 'professionista del cibo' ci debba essere una formazione completa, non solo teorica ma anche  pratica, che vada dalla conoscenza del patrimonio enogastronomico alla logistica e gestione della ristorazione fino agli aspetti legati al  marketing e alla comunicazione".      

  ''Il corso di Scienze gastronomiche mediterranee - sottolinea Gaetano  Manfredi, rettore dell'Università 'Federico II' - rappresenta una  forte innovazione nel quadro nazionale. L'obiettivo è promuovere  professionisti del cibo che guardino a questo tema a 360 gradi,  combinando competenze più specifiche ad aspetti di cultura più  generale, in modo da trasformare il cibo in risorsa e valorizzare il  patrimonio gastronomico. Il corso che parte presso il Dipartimento di  Agraria, un'eccellenza dal punto di vista scientifico, testimonia che  formare nuove professionalità è compito delle realtà che hanno il  maggiore background scientifico".      

  L'obiettivo finale del Corso è quello di produrre dottori in Scienze  gastronomiche dotati di un elevato grado di professionalità che,  partendo dall'aspetto gastronomico, si estenda ai processi produttivi  legati alle specificità territoriali (in particolare dell'area  Mediterranea),alle tecnologie alimentari, sia quelle tradizionali sia quelle più avanzate, alla storia e cultura del cibo, alla sicurezza  alimentare, all'imprenditorialità e gestione di aziende e di grandi  gruppi attivi nei settori della ristorazione e promozione del nostro  patrimonio enogastronomico, alla connessione tra salute ed  alimentazione. Il Corso di laurea sarà aperto a 50 giovani studenti e  si avvarrà della collaborazione, in veste di professori, dei  principali professionisti del settore gastronomico e di importanti  chef pluristellati.       

CONDIVIDI