Prestavano soldi a imprenditori in  difficoltà, con tassi usurai che oscillavano dal 90% al 180% annuo con punte del 570%, usando minacce e violenze per ottenerne la  restituzione o appropriandosi dei beni dei debitori, a parziale storno dei crediti vantati.       

Dalle prime luci dell'alba, i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma stanno eseguendo un'ordinanza di custodia  cautelare emessa dal gip presso il Tribunale capitolino, su richiesta  della locale Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 9  soggetti , ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di  associazione per delinquere , usura, estorsione, esercizio abusivo  dell'attività finanziaria, truffa aggravata ai danni dello Stato, auto - riciclaggio e trasferimento fraudolento di beni al fine di eludere  la normativa antimafia in materia di prevenzione patrimoniale.  Contestualmente le Fiamme Gialle stanno dando esecuzione al decreto di sequestro preventivo, emesso dal medesimo gip, relativo a beni  immobili e società per un valore complessivo di circa 11 milioni di  euro.   

- L'operazione, denominata 'Terza età' in quanto uno dei  settori di reinvestimento dei proventi illeciti dell'organizzazione  criminale era rappresentato dalle ''strutture protette per anziani'',  trae origine da una pregressa attività investigativa che, nel  settembre 2017, aveva portato alla cattura, tra gli altri, di Massimo  Nicoletti figlio di Enrico, storico cassiere della 'banda della  Magliana'.       

Nel corso di quelle indagini era emerso che un faccendiere del  Nicoletti, trovandosi in difficoltà economiche e dovendo restituire a  terzi rilevanti somme di denaro, si era rivolto ad un congiunto, Mauro Licenziato, allo scopo di ottenere un prestito. Gli approfondimenti  sulla figura Licenziato, delineandone la caratura delinquenziale e le  importanti relazioni nel mondo criminale, hanno evidenziato  l'esistenza di un autonomo e strutturato sodalizio al vertice del  quale, oltre a lui, vi era il padre Mario Licenziato, e che poteva  contare su numerosi altri affiliati.      

CONDIVIDI