Sprint delle Srl in Veneto che crescono  sia in termini di fatturato (+7%) che di addetti (+4,5%). A livello  nazionale incremento degli addetti totali (+4,8%) e del fatturato  (+6,9%),e una crescita sia del valore della produzione (+6,9%) che  del valore aggiunto (+6,6%). Questi i risultati emersi dalla  fotografia scattata dall'Osservatorio Bilanci delle Srl per il  triennio 2015-2017 realizzato dal Consiglio e dalla Fondazione  Nazionale dei Commercialisti.       

L'analisi, sulla base della banca dati Aida - Bureau Van Dick ha  riguardato i bilanci di 412.918 Srl relativi all'anno 2017 e mostra un trend crescente delle principali voci in linea con l'aumento del PIL  nazionale e la ripresa economica che, a partire dal 2015, sta  interessando l'economia italiana.       

L'aumento, pur interessando tutti i settori produttivi, non è  generalizzato per tutte le classi dimensionali. In particolare, le  microimprese registrano un calo degli addetti (-1,3%),e del valore  aggiunto (-1,7%),mentre le piccole aziende restano stabili nel numero di addetti, con una leggera flessione del fatturato - 0,5% mentre  aumenta il valore aggiunto dell'1,4%. A destare particolare interesse  sono, le medie imprese (fatturato tra 2 e 10 milioni di euro) che  fanno registrare un aumento degli addetti del 5,5% e un incremento del valore aggiunto del 5,7% e le grandi aziende (fatturato superiore a 10 milioni di euro) che mostrano ottime performance, con uno sviluppo  degli addetti del 9,9% e del valore aggiunto del 10,9%.  

A livello provinciale, una crescita particolarmente  sostenuta degli addetti si registra in Campania (+7,6%),trainata dal  dato relativo alla provincia di Salerno (+20,3%) a cui si contrappone  una crescita inferiore all'1% per la Liguria (+0,8%) che sconta il  trend particolarmente negativo della provincia di Savona (-10,2%). Per quanto riguarda il fatturato, invece, è il Nord-est a far registrare  il trend più sostenuto. In particolare, il Friuli Venezia Giulia  (+10,6%),l'Emilia Romagna (+9%) e il Trentino Alto Adige (+8,3%)  presentano tassi di crescita più elevati. Infine, in termini di valore aggiunto, le dinamiche più elevate si registrano in Friuli Venezia  Giulia (+10,3%) ed Emilia Romagna (+8,7%).      

  Tra i settori produttivi, spicca in termini di addetti, il comparto  dei trasporti (+10,7%),seguito da alberghi e ristoranti (+6,8%),  servizi (4,9%),commercio (+4,8%) e industria (+3,6%); in sensibile  aumento la variazione degli addetti nel comparto costruzioni (3% era  l'1,1% a maggio 2018). Per quanto riguarda il fatturato il settore più in espansione risulta quello del commercio (+8,2%),seguito dai  trasporti (+8%),alberghi e ristoranti (+7,6%),costruzioni (+5,9%),  industria (+5,8%) e servizi (+5,1%). In termini di valore aggiunto il  primato per il comparto dei trasporti (+7,8%),seguito da alberghi e  ristoranti (+7,5%) commercio (+7%) industria (+6,4%) servizi (+5,5%),  costruzioni (+4,3%).       

CONDIVIDI