Sebbene sia in arrivo la fatturazione  elettronica, nel 2019 il numero delle scadenze e degli adempimenti  fiscali è destinato ad aumentare fino a sfiorare quota 100, in  particolar modo per le realtà produttive di piccola dimensione che  intrattengono scambi commerciali con l'estero (import ed export). E'  quanto rileva l'Ufficio Studi della Cgia.       

Nel 2019, infatti, la pressione fiscale italiana è destinata ad  attestarsi al 41,8%, stesso livello del 2018 e il numero delle  scadenze fiscali, invece, subirà una forte impennata, soprattutto per  le piccole imprese che lavorano con partner stranieri. Non per tutti,  comunque, sarà così. Anche se in misura quasi impercettibile, i  lavoratori autonomi potranno contare su un piccolo alleggerimento.  Un'impresa artigiana senza dipendenti, ad esempio, lungo i 12 mesi del 2019 dovrà versare all'erario o inviare la propria documentazione  fiscale all'Amministrazione finanziaria 29 volte (una in meno rispetto al 2018),ma una impresa commerciale con 5 dipendenti lo dovrà fare 88 volte e una piccola impresa industriale con 50 dipendenti addirittura  99.       

E in entrambi questi ultimi due casi, le scadenze aumenteranno di 10  unità a causa degli effetti delle disposizioni previste dalla Legge di Bilancio 2018 che, a partire dall'anno venturo, ha stabilito che entro la fine del mese successivo bisognerà inviare all'Agenzia delle  Entrate i dati relativi alle cessioni e all'acquisto di beni e  prestazioni di servizi rivolte a soggetti non residenti nel territorio italiano.      

La riduzione per l'azienda artigiana, invece, è  riconducibile al fatto che dall'anno prossimo, con l'introduzione  della fatturazione elettronica, verrà abolito lo spesometro. A regime, pertanto, questi lavoratori autonomi risparmieranno due adempimenti.  Nel 2019, comunque, ne conteremo solo uno in meno, perché a febbraio  dovranno comunque inviare la comunicazione relativa al secondo  semestre 2018.       

Quanto alla elaborazione effettuata dall'Ufficio studi della Cgia, tra liquidazioni e versamenti di acconti e saldi di imposta, invii e  trasmissioni telematiche all' Inps e all'Agenzia delle Entrate, "il  peso della burocrazia fiscale ha raggiunto livelli inaccettabili -  sostiene l'associazione mestrina - costringendo le imprese a sostenere non solo perdite di tempo inammissibili, ma a sobbarcarsi anche dei  costi aggiuntivi spesso proibitivi. E a differenza delle altre, le  piccolissime imprese sono le più penalizzate. Non potendo contare su  uffici amministrativi interni da dedicare anche a queste  problematiche, le piccole aziende sono costrette ad esternalizzare  queste incombenze, pagando però un conto salato nel momento in cui  sono chiamate ad onorare i servizi ricevuti".       

"Mentre gli imprenditori chiedono da tempo di abbassare  il carico tributario e di alleggerire l'oppressione fiscale, la  politica, che ad ogni piè sospinto non manca l'occasione per  annunciare imminenti sburocratizzazioni e mirabolanti tagli alle tasse - commenta il coordinatore dell'Ufficio studi della Cgia, Paolo Zabeo  - nei fatti sta spingendo il sistema fiscale nella direzione opposta,  incrementando le scadenze e, quando va bene, rinviando a tempi  migliori la riduzione delle imposte".       

Come spiega invece il segretario della Cgia, Renato Mason, "in linea  generale in nessun altro Paese d'Europa viene richiesto uno sforzo  fiscale come quello presente in Italia. E nonostante la nostra  giustizia civile sia lentissima, la burocrazia abbia raggiunto livelli ormai insopportabili, la Pubblica amministrazione rimanga la peggiore  pagatrice d'Europa e il sistema logistico-infrastrutturale registri  dei ritardi spaventosi, le nostre imprese continuano a reggere la  sfida e a presidiare i mercati internazionali con performance  sorprendenti".  

CONDIVIDI