Per le pensioni, "sì a quota 100 ma con almeno 64 anni di età e 36 di contributi e con flessibilità, e 'sconti' sugli anni di uscita dal lavoro per le categorie dei lavoratori precoci e delle donne con figli". A dirlo  alla vigilia delle riapertura dei lavori in Parlamento e dell'avvio della road map verso la legge di bilancio e delle scelte in tema di pensioni, è Alberto Brambilla, consulente del vicepremier Matteo Salvini e uno dei massimi esperti in Italia di politiche previdenziali.

CONDIVIDI