di G.L. - Questo è quello che quotidianamente ascoltiamo quando si parla dell’introduzione dell’obbligo di fattura elettronica per tutti (con pochissime eccezioni):

“Dal 1 gennaio 2019 per il mondo delle partite iva sarà come se un asteroide colpisse la terra, e durante la glaciazione o hai la pelliccia, o sai accendere un fuoco o ti estingui. L’asteroide si chiama fattura elettronica e si abbatterà su di noi già dal 1 luglio quando, per detrarre l’IVA sui carburanti si dovrà chiedere al povero benzinaio una fattura elettronica”

“Bisognerà attrezzarsi e sarà costoso e complicato. Ci sarà una paralisi di molte attività economiche ed i piccoli soffriranno pesantemente questa nuova tassa occulta per le imprese ed i professionisti”

Non è però quello che pensa chi ha scommesso che questa digitalizzazione forzata darà uno scossone positivo alle partite iva italiane.

Domenico Navarra, fondatore e CEO di StudioBoost, startup innovativa Bolognese nata nel 2014, la pensa in maniera opposta:

DIMENTICATEVI dell’obbligatorietà della fatturazione elettronica. Coglietela come un’opportunità, visto che su 59 milioni di abitanti in Italia, ben 49 hanno un dispositivo mobile e 34 viaggiano in internet e hanno un profilo su un social. Fatturare in modo digitale non è più difficile di iscriversi a WhatsApp o fare un post su Facebook

Trasformare un obbligo normativo o un adempimento in opportunità non è cosa che ci risulta facile ed immediata, soprattutto perché guardandoci indietro vediamo lo spesometro, la trasmissione dati fatture, la trasmissione liquidazioni IVA, che ne pensa?

Navarra - La fattura elettronica spazzerà via questi e tanti altri adempimenti, ridurrà gli errori e migliorerà il rapporto con il fisco, ma il punto non è questo. Il punto è uno ed è fondamentale. Ci sono studi Ocse che provano che le imprese italiane soffrono di cosiddetto finance gap, cioè sono sottocapitalizzate, mancano di fondi per la crescita. Le due cause principali sono il tipo di impresa, incentrata su un padre/padrone e dunque piuttosto impermeabile all’ingresso di capitali esterni, e l’incapacità di produrre un piano industriale. La fatturazione elettronica rappresenta una possibilità interessante in questo senso, perché sia tu un tabaccaio o un benzinaio o un’impresa che fattura milioni di euro, dovrai utilizzare un software gestionale, immettere i numeri all’interno di un sistema informatico, da quel momento inizierai con l’avere uno scadenzario aggiornato e poi ti ritroverai a fare ipotesi sui flussi di cassa e da lì a poco vorrai più dati analitici nei tuoi conti per capire ancora più a fondo come vanno i tuoi affari. Questi sono tutti dati che permettono di avere in tempo reale un previsionale dell’andamento dell’attività. Una necessità sempre più legata, tra l’altro, all’aspetto del credito: ogni volta che oggi un imprenditore va a chiedere un finanziamento – e ancora di più con il nuovo Mifid2 – le banche esigono numeri proiettati nel futuro, che mostrino la solidità del business

 

La soluzione dunque è adeguarsi e rassegnarsi ad acquistare costosi software?

 

Navarra - Tutt’altro! Noi siamo qui per aiutare le imprese, soprattutto quelle più piccole. Per loro abbiamo realizzato B2BEASY, una web app che si usa da qualsiasi browser internet (anche quelli sui telefonini) e consente prima di tutto di gestire l’emissione e la ricezione delle fatture elettroniche, poi aiuta nella gestione di tutta la documentazione contabile e non. La vera forza della app? È che è completamente gratuita! Possiamo permetterci di offrire il servizio gratuitamente perché l’opzione Premium e la Premium Plus lo rendono sostenibile. Infatti, chi lo desidera può attivare la conservazione sostitutiva e un sistema completo di gestione finanziaria, con canoni che variano tra i 6 e i 12 euro al mese

Insomma la fattura elettronica obbligatoria sarà costosa e complicata ma solo per chi non per chi sceglierà B2BEASY. Oltre l’estrema facilità d’uso, il suo punto di forza è la multicanalità: se infatti la fatturazione elettronica sarà obbligatoria in tutta Italia, non lo sarà in altri paesi, verso i quali dovremo continuare a emettere fatture analogiche. Così, per gestire questa duplice necessità, con B2BEASY è possibile non solo emettere e consegnare la fattura elettronica, ma anche quella quella analogica. L’app inoltre trasforma la fattura elettronica in un pdf leggibile e la mette a disposizione in modo automatico e integrato sia al cliente che al commercialista. Pare proprio che nulla sia stato lasciato al caso.

Potete registravi inserendo la vostra partita iva all’indirizzo https://app.b2beasy.it.