Promosso da Confassociazioni, nel Board dell'Osservatorio anche l’ex viceministro del Lavoro Raffaele Morese, l’Ad del Gestore dei Mercati Energetici Spa Pietro Putti e l’editorialista del Sole 24 Ore Antonio Ortenzi

Roma, 23 novembre 2017 - Il docente universitario abruzzese Stefano Cianciotta è stato nominato presidente dell’Osservatorio nazionale delle Infrastrutture, promosso da CONFASSOCIAZIONI, la Confederazione delle Associazioni professionali non organizzate in ordini e collegi, che rappresenta in Italia 650mila professionisti, 340 associazioni professionali e oltre 126mila imprese.

Cianciotta sarà affiancato da Raffaele Morese, già Sottosegretario al Lavoro, da Pietro Putti, docente di Diritto Privato alla Facoltà di Economia dell’Università Politecnica delle Marche e Amministratore Delegato del GME (Gestore dei Mercati Energetici S.p.A.) e da Antonio Ortenzi, editorialista del Sole 24 Ore ed uno dei più importanti esperti in Italia di Project/Program Management in edilizia e nelle infrastrutture.

L’Osservatorio si occuperà di indicare le strategie di sviluppo del sistema infrastrutturale italiano ed europeo, con una attenzione particolare al tema delle smart grid e delle reti. La nomina di Cianciotta arriva, peraltro, in un momento molto significativo per il sistema infrastrutturale italiano, perché nei prossimi 15 anni il Governo ha previsto investimenti pubblici in infrastrutture materiali (strade, ferrovie, porti, acquedotti, ponti) e immateriali (banda ultralarga e tecnologie digitali) per oltre 100 miliardi di euro.

“Alla ripresa economica che lentamente sta diventando strutturale - osserva Cianciotta - manca il contributo fondamentale del settore delle infrastrutture e delle costruzioni, altrimenti già da quest’anno il Pil poteva sfiorare il 2%. Nei prossimi cinque anni il settore delle infrastrutture e delle reti elettriche sarà caratterizzato nel mondo da un dinamismo che non ha precedenti.

Gli investimenti maggiori saranno sostenuti dalla Cina, Paese al quale stanno guardando anche players pubblici importanti come Anas e Rfi - prosegue Cianciotta - ma sarà importante anche in Europa e in Italia ricominciare a investire nelle infrastrutture. Il mio auspicio è che, anche con il contributo dell’Osservatorio, il tema delle infrastrutture non solo torni ad essere centrale nell’agenda della politica, ma venga percepito dall’opinione pubblica come indifferibile e fondamentale per tornare a parlare di crescita e sviluppo”.
 
“La nomina di Stefano Cianciotta - conclude il Presidente di CONFASSOCIAZIONI, Angelo Deiana - dimostra l’attenzione della nostra Confederazione per un tema strategico come quello delle infrastrutture a rete. L’Osservatorio Nazionale sulle Infrastrutture approfondirà i gap e le mancanze del nostro Paese in questo ambito attraverso la presenza di professionisti di grandissima competenza e la collaborazione di tutta CONFASSOCIAZIONI.