La revisione legale italiana è sempre più integrata in Europa grazie all'impegno dell'Istituto nazionale revisori legali". Parola del presidente Virgilio Baresi. "La battaglia fatta da noi -chiarisce- presso le istituzioni italiane, affinché fosse recepita la norma europea, ha portato a una soluzione veramente straordinaria, in quanto siamo riusciti per la prima volta, da quando c'è la Costituzione italiana dal 1948, a far modificare una norma già approvata". Il Consiglio dei ministri, "ha approvato in via definitiva lo schema di decreto legislativo che attua la direttiva europea 2014/56 in materia di revisione legale dei conti. Il provvedimento rafforza la disciplina vigente sul piano dei controlli di qualità, dell’indipendenza e dell’obiettività nello svolgimento degli incarichi di revisione, ispirandosi al principio della terzietà che è alla base della normativa, prefigurando di fatto un consulente super partes, che negli enti locali (Comuni, Regioni) verrà estratto a sorte, attingendo dal registro dei revisori gestito direttamente dal Mef".