Da alcuni mesi l’Istituto Nazionale Tributaristi (INT) sollecita interventi soprattutto su tre problematiche fiscali: spesometro, compensazioni e studi di settore ed oggi con la notizia che l’Agenzia delle Entrate sta predisponendo controlli preventivi sulle compensazioni dei crediti d’imposta, di fatto mettendo in forse l’utilità del visto di conformità, il Presidente dell’INT Riccardo Alemanno, anche quale Presidente dell’ Osservatorio nazionale sulla fiscalità di Confassociazioni, non ha potuto non ribadire tali richieste tramite l’invio di una nota a rappresentanti del Governo e del Parlamento. In sintesi nella nota Alemanno ha evidenziato la necessità di rendere effettivamente annuale lo spesometro per il 2018 ed anche in virtù di una sua possibile permanenza per il 2019, nel caso in cui la e-fattura iniziasse per gradi. In merito invece alle compensazioni ed agli studi di settore nella missiva del presidente dell’INT si legge: “ Compensazioni: l’Agenzia delle Entrate sta predisponendo controlli preventivi sulle compensazioni, ma se occorrono controlli preventivi vuol dire che  il visto di conformità ha fallito. Non sarebbe dunque opportuno riproporre la comunicazione preventiva proprio in luogo del visto di conformità? (ciò favorirebbe il controllo preventivo;  la comunicazione era già prevista a livello legislativo, ma non fu mai applicata poiché soppiantata proprio dal visto). Studi di settore: dichiarati obsoleti e non più attendibili, dovevano essere sostituiti dagli indici di affidabilità c.d. ISA sin dal 2017, invece li ritroviamo nuovamente con le loro complessità e contraddizioni. Se non si vuole cancellarli, si dovrebbero utilizzare solo a fini statistici per la predisposizione di indici ISA maggiormente aggiornati.”

Poche indicazioni ma che, se effettivamente applicate, darebbero veramente una prima concreta svolta alla farraginosità del nostro sistema fiscale. L’INT si mette a disposizione per ogni approfondimento in merito per il tramite della propria Commissione fiscalità  e dell’Osservatorio sulla fiscalità di Confassociazioni.

CONDIVIDI