Roma, 7 feb. (Labitalia) - “La crisi di impresa, oltre al profilo strettamente patrimoniale e gestionale, coinvolge rapporti di lavoro su cui si basa l’intera struttura aziendale. Non va dimenticato che l’imprenditore è anche un datore di lavoro. La professionalità dei consulenti del lavoro trova, peraltro, conferma nell’ampio ventaglio di funzioni che gli stessi possono già essere chiamati a svolgere: ricordo la possibilità di patrocinare vertenze davanti alle commissioni tributarie, di essere nominati commissari liquidatori o sindaci di società commerciali”. Così il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ha risposto oggi all’interrogazione parlamentare, presentata dalla senatrice di Forza Italia, Donatella Conzatti, in merito all’affidamento delle funzioni di curatore e di liquidatore ai consulenti del lavoro con la riforma della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Fonte AdnKronos
CONDIVIDI